rococo iii

I radiatori sono ormai entrati nelle nostre case: comodi e affidabili , sono semplici da utilizzare ed efficienti. Oggi si sono imposti come il metodo di riscaldamento più usato in tutta Europa. Eppure esistono due diverse tipologie di termosifoni: elettrici e idraulici.

I termosifoni elettrici

Chiaramente la prima differenza tra i due tipi di caloriferi sopra citati è l‘alimentazione grazie a cui funzionano: in questo caso l’energia elettrica. Essa viene estratta dalla rete e convertita in calore (energia termica). Ciò può avvenire attraverso due procedimenti: convezione e irraggiamento. La prima opzione si verifica quando un corpo si inserisce in un ambiente che ha una temperatura diversa dalla sua. Questa differenza provoca una variazione di densità. Per quanto riguarda l’irraggiamento invece, esso avviene tramite onde elettromagnetiche: il corpo più caldo trasferisce calore a quello più freddo, ma senza bisogno di un supporto materiale (ad esempio un fluido, come l’aria).

Inoltre i modelli elettrici offrono una maggiore flessibilità e permettono di riscaldare la propria casa stanza per stanza. Infatti sono dotati di termostati che operano in autonomia, scaldando solo le stanze desiderate. Dunque in caso si danneggiasse uno di essi, gli altri continuerebbero a funzionare senza problemi, limitando il danno.

817 SCALDA SALVIETTE

Un esempio di scaldasalviette elettrico


I radiatori idraulici (o ad acqua)

Un calorifero idraulico è invece alimentato da una diversa fonte energetica: l’acqua. Essa viene prima scaldata e poi, tramite una pompa, immessa nei tubi. Materiali molto usati a questo scopo sono l’alluminio e l’acciaio (che si riscaldano velocemente), ma soprattutto la ghisa (che mantiene caldo l’ambiente per un periodo più lungo). Grazie ad essi il calore viene trasmesso all’ambiente circostante. Man mano che l’acqua all’interno del termosifone si raffredda torna alla caldaia. Qui viene di nuovo riscaldata e rimessa in circolo.

Per quanto riguarda il sistema di riscaldamento, quando si hanno dei radiatori idraulici è necessario che sia centralizzato per tutta la casa. Questo perché ogni calorifero è connesso alla caldaia grazie a un circuito di tubi (che possono essere in ferro, in rame o multistrato). Dunque l’intera abitazione è riscaldata contemporaneamente.

737/L - Scaldasalviette Serie Panorama

Un esempio di scaldasalviette idraulico


Radiatore elettrico o idraulico differenze: quale comprare?

A questo punto è naturale chiedersi: quale tipo di termosifone conviene comprare? Non esiste una risposta assolutamente esatta. Tutto dipende dalle esigenze da soddisfare. A livello di costi, l’invstimento più conveniente è il radiatore idraulico, poiché il funzionamento della caldaia è di gran lunga più economico rispetto a quello dell’energia elettrica, che ha ormai prezzi esorbitanti. Al contrario tuttavia, conviene installare la seconda tipologia per motivi di comfort: i radiatori elettrici si scaldano più in fretta e consentono maggiore libertà, poiché possiedono termostati autonomi, da utilizzare solo nel momento del bisogno.

Una volta constatati i pro e i contro della vostra situazione, potrete decidere qual è la soluzione giusta per voi. Noi di caloriferionline.com siamo sempre disponibili ad aiutare i nostri clienti a trovare il prodotto perfetto. Ecco alcuni articoli che potrete trovare qui:

E se tra questi non c’è quello che desiderate, non esitate a contattarci: vi aiuteremo a trovare ciò che state cercando! Potete chiamare al numero 3932121611 o mandare una mail a info@arredalatuacasa.com

Radiatore elettrico o idraulico differenze

Un esempio di radiatore in ghisa

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *